Detersivo fai da te per lavatrice in polvere “Sonia&Sartana “

La ricetta che vi suggerisco oggi viene chiamata “Sonia&Sartana“, probabilmente in relazione al nome di chi l’ha inventata. Anche questa l’ho trovata leggendo i vari post pubblicati all’interno della community di Promiseland (community di riferimento per l’ecobio) ed approvata dal grandissimo Fabrizio Zago (esperto della chimica amica dell’ambiente, nonché autore del Biodizionario). L’ho sperimentata diverse volte e mi trovo davvero bene.
Il detersivo in polvere è adatto a lavaggi a temperature pari o superiori ai 40°C e ai tessuti resistenti.
Ingredienti ::
– 200 g di sapone di marsiglia grattugiato
– 100 g di soda solvay
– 100 g di percarbonato di sodio (sbiancante e disinfettante naturale che si può acquistare nei negozi bio oppure online)
– detersivo piatti qb
– citrato di sodio liquido qb (come vi ho già detto si può acquistare nei negozi bio oppure si può facilmente autoprodurre!
Procedimento ::
Miscelare le polveri e conservarle in un vecchio fustino riciclato o in un contenitore di vetro. La dose da mettere ad ogni lavaggio dipende dal tipo di sporco e dalla quantità di bucato (riducete in ogni caso rispetto alle quantità di detersivo acquistato che utilizzate normalmente. il detersivo fai da te è molto concentrato e non ha materiale inerte (ricordate? ve ne avevo già parlato in questo articolo).
Attenzione :

il percarbonato va conservato in luogo fresco, al buio e all’asciutto. Io preferisco tenerlo separato dalla miscela in polvere e aggiungerlo ad ogni lavaggio. Un cucchiaio nella pallina dosatrice.
Le parti liquide vanno aggiunte di volta in volta. Basta mettere un po’ della polvere nella pallina dosatrice e poi aggiungere uno o due cucchiai di detersivo per piatti (sempre in base allo sporco) e circa 50 ml ( due tazzine) di citrato di sodio liquido,
Non fate i furbi mi raccomando! Se mettete polveri e liquidi insieme, la vostra scorta da dispensa diverrà un blocco unico e potrete utilizzarlo solo per dedicarvi alla scultura!
Ovviamente come precisato in precedenti articoli per una resa efficace e necessario sempre pretrattare le macchie (d’altra parte questo vale anche per i comuni detersivi in commercio).
Io aggiungo anche l’ammorbidente (….anche questo meglio se ecologico oppure fai da te…ma ve ne parlo un’altra volta) .
Questa miscela di detersivo autoprodotto funziona bene e anche in questo caso, come per il detersivo liquido, le motivazioni sono legate agli ingredienti usati e alle loro funzioni. Gli ingredienti infatti sono identici ma in polvere, quindi più concentrati, e con l’aggiunta del percarbonato di sodio che, come ho già detto, è uno sbiancate e disinfettante naturale in quanto genera ossigeno attivo a temperature superiori ai 40°C.
DURATA PRODOTTO: lunghissima…se non mischiate le polveri con i liquidi. Ancora meglio se conservate a parte il percarbonato.

Approfondimenti
– Se il vostro bucato è particolarmente macchiato aggiungere più solvay (attenzione che i colori sbiadiscono con troppa soda)
– Se l’acqua è troppo dura per evitare l’ingrigimento del vostro bucato aumentare il citrato di sodio.
– Il percarbonato di Officina Naturae contiene già il sodio citrato per cui, teoricamente, si può anche omettere. Io però per sicurezza preferisco aggiungerlo, al massimo riduco la quantità.
– Per sbiancare o igienizzare maggiormente si può aumentare il percarbonato (soprattutto quando si verifica ingiallimento dei tessuti).
– Esiste anche il citrato di sodio in polvere. Io non l’ho mai usato ma, se siete interessati a questa soluzione, la percentuale per la conversione liquido/polvere è questa: 40% di citrato e 60% di acqua. In pratica per farne 100 g liquidi bisognerà sciogliere 40g di polvere in 60 g di acqua.
Con i detersivi fai da te di cui vi ho parlato non lavate la lana !! non importa se procedete al lavaggio a mano o in lavabiancheria. Come fare un lavaggio green in questo caso? E’ semplicissimo ma ve lo spiego la prossima settimana insieme ad alcuni suggerimenti per il bucato da lavare a mano. Ciaooo.

Leggi anche:
https://kesifa.it/detersivo-liquido-per-lavatrice-fai-da-te/
https://kesifa.it/trucchi-per-rendere-efficaci-i-vostri-detersivi/
https://kesifa.it/introduzione-a-kesifa-green/

La dose da mettere ad ogni lavaggio dipende dal tipo di sporco e dalla quantità di bucato (riducete in ogni caso rispetto alle quantità di detersivo acquistato che utilizzate normalmente. il detersivo fai da te è molto concentrato e non ha materiale inerte (ricordate? ve ne avevo già parlato).
Attenzione :

il percarbonato va conservato in luogo fresco, al buio e all’asciutto. Io preferisco tenerlo separato dalla miscela in polvere e aggiungerlo ad ogni lavaggio. Un cucchiaio nella pallina dosatrice.
Le parti liquide vanno aggiunte di volta in volta. Basta mettere un po’ della polvere nella pallina dosatrice e poi aggiungere uno o due cucchiai di detersivo per piatti (sempre in base allo sporco) e circa 50 ml ( due tazzine) di citrato di sodio liquido,
Non fate i furbi mi raccomando! Se mettete polveri e liquidi insieme, la vostra scorta da dispensa diverrà un blocco unico e potrete utilizzarlo solo per dedicarvi alla scultura!
Ovviamente come precisato in precedenti articoli per una resa efficace e necessario sempre pretrattare le macchie (d’altra parte questo vale anche per i comuni detersivi in commercio).
Io aggiungo anche l’ammorbidente (….anche questo meglio se ecologico oppure fai da te…ma ve ne parlo un’altra volta) .
Questa miscela di detersivo autoprodotto funziona bene e anche in questo caso, come per il detersivo liquido, le motivazioni sono legate agli ingredienti usati e alle loro funzioni. Gli ingredienti infatti sono identici ma in polvere, quindi più concentrati, e con l’aggiunta del percarbonato di sodio che, come ho già detto, è uno sbiancate e disinfettante naturale in quanto genera ossigeno attivo a temperature superiori ai 40°C.
DURATA PRODOTTO: lunghissima…se non mischiate le polveri con i liquidi. Ancora meglio se conservate a parte il percarbonato.

Approfondimenti
– Se il vostro bucato è particolarmente macchiato aggiungere più solvay (attenzione che i colori sbiadiscono con troppa soda)
– Se l’acqua è troppo dura per evitare l’ingrigimento del vostro bucato aumentare il citrato di sodio.
– Il percarbonato di Officina Naturae contiene già il sodio citrato per cui, teoricamente, si può anche omettere. Io però per sicurezza preferisco aggiungerlo, al massimo riduco la quantità.
– Per sbiancare o igienizzare maggiormente si può aumentare il percarbonato (soprattutto quando si verifica ingiallimento dei tessuti).
– Esiste anche il citrato di sodio in polvere. Io non l’ho mai usato ma, se siete interessati a questa soluzione, la percentuale per la conversione liquido/polvere è questa: 40% di citrato e 60% di acqua. In pratica per farne 100 g liquidi bisognerà sciogliere 40g di polvere in 60 g di acqua.
Con i detersivi fai da te di cui vi ho parlato non lavate la lana !! non importa se procedete al lavaggio a mano o in lavabiancheria. Come fare un lavaggio green in questo caso? E’ semplicissimo ma ve lo spiego la prossima settimana insieme ad alcuni suggerimenti per il bucato da lavare a mano. Ciaooo.

Leggi anche:
detersivo liquido per lavatrice fai da te
trucchi per rendere efficaci i vostri detersivi
introduzione a KeSiFa green

Lascia un commento