Archeotrekking :: Escursione guidata nel bosco di Santa Venera

Quando :: domenica  13 ottobre 2019; ore 9.30 > 12.30
Dove :: Carini –  Punto di raduno: Montagna Longa all’ingresso del bosco Santa Venera (SP40)
Cosa :: Passeggiata archeologico-naturalistica all’interno del bosco Santa Venera, con guida naturalistica ed archeologi professionisti.
Si parte dall’ingresso dell’area boschiva forestale di Santa Venera, dove dopo poche decine di metri si trova la necropoli indigena di “Manico di Quarara”. Tra gli alti pini impiantati dal 1970 è possibile visitare le sepolture a grotticella con corto dromos (corridoio) datate tra i secoli VIII e III a.C. del vicino insediamento elimo di Monte D’Oro.
Proseguendo per il sentiero che attraversa l’antica necropoli, dopo circa 600 metri si raggiunge Grotta Bianca, una grande caverna che si affaccia sulla Piana di Partinico e da dove spesso è possibile avvistare l’Aquila del Bonelli che nidifica nei paraggi.
Il sentiero prosegue ai margini del vallone di Costa Lavata per circa 1 km per arrivare alla “casa vecchia di Santa Venera”, in realtà una struttura del tardo medioevo che originariamente era la piccola chiesa di Santa Venera citata già da fonti degli inizi del 1300 e che si trovava lungo la via di collegamento che conduceva dall’antica Hyccara di contrada San Nicola all’antica Parthenicum (Partinico).
Sosta all’area attrezzata di Santa Venera, a poche decine di metri di distanza, per proseguire poi lungo il sentiero di risalita che, attraversando la pineta, riporta al punto di partenza.
Nella pineta e lungo tutto il sentiero proposto, durante il succedersi delle stagioni, è possibile ammirare funghi spontanei (tra i quali l’eccellente e commestibile “Tricholoma terreum”), decine di orchidee spontanee ed altre essenze naturali, oltre a incontrare varie specie faunistiche.
– Durata percorso: 3 ore.
– Difficoltà: bassa.
– Evento organizzato da Archeofficina – Società Cooperativa Archeologica.
Ticket :: € 10,00 – € 6,00 (under 13)
Info e prenotazioni :: 327 9849519 / 320 8361431 / info@archeofficina.com

 

Lascia un commento